Enter your keyword

CONCORSO DIRIGENTE SCOLASTICO: SOSPENSIVA A BREVE?

CONCORSO DIRIGENTE SCOLASTICO: SOSPENSIVA A BREVE?

E’ previsto per lunedì l’arrivo della sospensiva del Consiglio di Stato volta  a consentire la prosecuzione delle prove del concorso per dirigenti scolastici travolto dalla decisione del Tar del Lazio di annullare tutto per la presenza di tre commissari incompatibili con quel ruolo.

L’Avvocatura di Stato non ha esitato a presentare appello e in attesa della Camera di Consiglio, prevista per fine luglio, il dicastero spera nella immediata concessione della sospensiva. Ricordiamo che gli orali già calendarizzati volgevano ormai al termine, dato che la conclusione era stata fissata per il giorno 11 luglio.

Diverse le reazioni dei sindacati

Secondo la responsabile del Dipartimento dei dirigenti scolastici Uil Scuola, Rosa Cirillo, “la sospensiva consentirà di continuare le prove orali, di stilare e approvare la graduatoria dei vincitori di concorso. In questo modo, a settembre, cercando di ricomporre l’intricato puzzle giuridico normativo che si va delineando nei prossimi mesi, si potrà procedere con le nomine in ruolo, con riserva, in attesa della decisione del Consiglio di Stato, che potrebbe dar seguito alla sentenza del Tar e invalidare il concorso, ovvero riformare la sentenza di primo grado”.

Per il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi, “quello che stiamo vedendo è un film già visto, purtroppo. E occorre prendere le mosse dai provvedimenti adottati in precedenti circostanze. Per questo si potrebbe pensare ad un preciso dispositivo legislativo, magari permettendo ai vincitori di poter fare un corso-concorso di formazione, con esame finale, per accedere alla dirigenza. Procedura già utilizzata in passato”.

Sindacati ed associazioni sono già scesi in campo per assistere chi gli esclusi chi i già vincitori del concorso.

La responsabilità di questa guerra tra Guelfi e Ghibellini è sicuramente di un’Amministrazione centrale che non ha saputo vigilare con la dovuta diligenza sul corretto e regolare svolgimento della procedura concorsuale.

Siamo vicini sia a chi è stato ingiustamente ed illegittimamente escluso dal concorso sia a chi, ignaro dei retroscena che si preparavano alle sue spalle, ha trascorso ore ed ore a studiare, sacrificando ciò che ha di più caro al mondo per realizzare finalmente il sogno di una vita.

L’Italia ha dimostrato ancora una volta di essere la Repubblica delle banane.

No Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

WhatsApp chat