Enter your keyword

TFA SOSTEGNO: PROVE 28/29 MARZO. PROGRAMMI DI STUDIO

TFA SOSTEGNO: PROVE 28/29 MARZO. PROGRAMMI DI STUDIO

Il  Decreto del 21 Febbraio 2019 ha stabilito che le prove preselettive per l’accesso al TFA Sostegno saranno così articolate:

  • mattina del 28 marzo 2019 prove scuola dell’ infanzia
  • pomeriggio del 28 marzo 2019 prove scuola primaria
  • mattina del 29 marzo 2019 prove scuola secondaria I grado
  • pomeriggio del 29 marzo 2019 prove scuola secondaria II grado

La grande novità è che i candidati potranno partecipare alle prove in una sola Università a differenza degli altri anni, doe ciascun docente poteva partecipare alla selezione in diverse Università.

Come sarà il Test preselettivo?

Il test preliminare costituito da 60 quesiti formulati con cinque opzioni di risposta, fra le quali il candidato ne individua una soltanto.

Almeno 20 dei predetti quesiti saranno volti a verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi in lingua italiana.

La risposta corretta a ogni domanda vale 0,5 punti, la mancata risposta o la risposta errata vale O(zero) punti.

Il test ha la durata di due ore.

E’ ammesso alla prova, ovvero alle prove un numero di candidati pari al doppio dei posti disponibili nella singola sede per gli accessi.

Sono altresì ammessi in soprannumero ai relativi percorsi i soggetti che, in occasione dei precedenti cicli di specializzazione:

  1. abbiano sospeso il percorso ovvero, pur in posizione utile, non si siano iscritti al percorso;
  2. siano risultati vincitori di più procedure e abbiano esercitato le relative opzioni;
  3. siano risultati inseriti nelle rispettive graduatorie di merito, ma non in posizione

utile.

Nel caso in cui la graduatoria dei candidati ammessi risulti composta da un numero di candidati inferiore al numero di posti messi a bando, si può procedere ad integrarla con soggetti, collocati in posizione non utile nelle graduatorie di merito di altri atenei, che ne facciano specifica richiesta, a loro volta graduati e ammessi dagli atenei sino ad esaurimento dei posti disponibili.

CHI PUO’ PARTECIPARE?

  • Docenti abilitati
  • Docenti laureati con 24 CFU. Si precisa che laurea deve altresì avere tutti i crediti necessari per l’accesso all’insegnamento della specifica classe di concorso.
  • Docenti I.T.P.
  • Docenti con 3 anni di servizio

Le tre annualità, per essere valide, devono soddisfare le condizioni richieste, ossia:

  • devono essere svolte negli ultimi otto anni precedenti, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione;
  • devono essere prestate presso le scuole del sistema educativo di istruzione e formazione;
  • sono valutabili come tali ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge n. 124/1999;
  • possono non essere continuative;
  • possono essere svolte su posto comune o sostegno;

In conclusione, per calcolare il servizio prestato e verificare se si è in possesso delle tre annualità richieste, gli interessati devono accertarsi di aver svolto, per ciascuno dei tre anni scolastici considerati, 180 giorni di servizio anche non continuativo o un servizio ininterrotto dal 1° febbraio alle operazioni di scrutinio.

Come prepararsi?

Per conoscere gli argomenti oggetto di studio onde superare con successo le prove di accesso al corso di specializzazione sostegno scarica gratuitamente la lezione introduttiva del corso svolto presso la sede del Centro Studi Ulisse di Scafati.

La polemica

Croce e delizia per questo IV° Ciclo di Tfa Sostegno.

In un primo momento abbiamo visto docenti esultare per l’ampio raggio di candidati ammessi al corso. Invero, per la prima volta, l’Amministrazione ha aperto le porte del TFA sostegno anche a docenti non abilitati. Dopo pochi giorni tali aspiranti candidati hanno improvvisamente smesso di esultare perché si sono resi conto che quell’apertura a 360° nascondeva un’amara verità: era tutta una beffa.  Beffa perché le date di svolgimento delle prove cadranno il 28 e 29 Marzo e il docente potrà partecipare alla selezione presso una sola Università.

Dunque, meno di un mese per studiare. Meno di un mese per conseguire i 24 CFU. Meno di un mese per gli Atenei per pubblicare i bandi, raccogliere le iscrizioni e allestire lo svolgimento delle prove.

Tempi stretti, strettissimi, che suonano a parer nostro come una preselezione alla preselezione. Il MIUR sa bene che chi partecipa al corso di specializzazione sostegno è per lo più un professionista che non è giovanissimo, che per andare avanti già svolge una qualche attività, che ha famiglia e non può dedicare intere giornate allo studio. Ebbene, limitando i tempi, il Miur ha già escluso tutti coloro che non masticano le materie oggetto di prova e non hanno sufficiente tempo per prepararsi.

Allora perché illudere ancora una volta docenti o aspiranti tali gettando fumo negli occhi solo per ragioni completamente estranee al mondo della scuola?

Ancora una volta vittime di un sistema che fa dei fini politici ed elettorali la ratio del proprio operato.

  • Scarica la lezione di presentazione del nostro corso cliccando qui

No Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

WhatsApp chat