Enter your keyword

RIAPERTURA DELLE SCUOLE: QUALE SARÀ IL DESTINO DEGLI STUDENTI ITALIANI?

RIAPERTURA DELLE SCUOLE: QUALE SARÀ IL DESTINO DEGLI STUDENTI ITALIANI?

Il presidente francese Macron ha dichiarato che l’11 Maggio riapriranno le scuole in Francia. Queste le sue dichiarazioni:  “L’11 maggio prossimo sarà l’inizio di una nuova tappa”, una tappa “progressiva”, visto che “l’obiettivo principale resta la salute di tutti i francesi. A partire dall’11 maggio riapriremo progressivamente asili, scuole e università”. “Non tutti i bambini hanno accesso ai sistemi digitali e all’aiuto dei genitori: la chiusura delle scuole aumenta le disuguaglianze sociali”.

Sulla scia della Francia, anche la  Danimarca ha stabilito che da domani gli studenti inizieranno a tornare a scuola e negli asili i bambini, a scaglioni.

E in Italia? Nel nostro Paese si discute addirittura se sia possibile una riapertura delle scuole a settembre. Il ministro Azzolina continua a sbandierare il successo eclatante della didattica a distanza. Ma siamo proprio sicuri? E’ davvero certo che tutti i ragazzi stiano partecipando attivamente alla D.A.D e stia andando a gonfie vele il loro percorso di apprendimento? E’ proprio certo che dare in comodato d’uso uno strumento tecnologico possa aiutare anche i ragazzi con bisogni educativi speciali?  Siamo sicuri che nel caso dei bambini della scuola primaria la Dad possa insegnare loro le operazioni fondamentali o i fondamenti della lingua italiana? I genitori sono tutti entusiasti di questa didattica on line?

Stando alle dichiarazioni centrali saremmo diventati un’isola felice.

Intanto il sottosegretario De Cristoforo  afferma che “ La didattica a distanza ha colmato il vuoto, ma ogni giorno amplifica le disuguaglianze che già a scuola esistono. Il ministero deve insediare al più presto una task force e costruire un cronoprogramma per i prossimi quattro mesi e mezzo”.

Il modello che sta sempre più prendendo forma è una didattica mista che vede la confluenza tra una parte in presenza e un’altra a distanza.

In Trentino, ad esempio, si parla di “doppio turno tecnologico settimanale” che prevede metà classe in aula a scuola e metà a casa a seguire lezioni a distanza.

Tale modello potrebbe funzionare in una Scuola Secondaria di Secondo Grado. Il problema resta comunque per il Primo Ciclo.

Insomma il destino degli studenti italiano è tuttora molto incerto e se non si organizza per settembre un piano di rientro di certo finiremo con il calpestare il diritto allo studio degli ultimi.

No Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

WhatsApp chat