Enter your keyword

ESAMI DI STATO 2019: NOMINA COMMISSARI ESTERNI

ESAMI DI STATO 2019: NOMINA COMMISSARI ESTERNI

Nel mese di gennaio il Miur ha pubblicato il decreto in cui indica le discipline affidate ai commissari esterni delle commissioni d’esame di Stato secondaria II grado a.s. 2018/19.

I commissari esterni sono assegnati, in ordine di priorità discendente:

  1. a) nell’ambito del comune di servizio o residenza, secondo la preferenza espressa;
  2. b) nel comune di servizio o residenza, d’ufficio;
  3. c) nell’ ambito della provincia di servizio o residenza, secondo la preferenza espressa;
  4. d) nella provincia di servizio o residenza, d’ufficio;
  5. e) eccezionalmente in ambito regionale, d’ufficio, nel rispetto dell’ ordine di priorità di cui all’articolo 6, ove residuino nomine da disporre.
  6. Per eventuali sedi residue si effettuano le nomine nell’ambito delle categorie del personale di cui all’articolo 6, comma 2, secondo la procedura di cui al comma 1.
  7. In caso eccezionale, il dirigente preposto all’Ufficio scolastico regionale competente può disporre nomine anche in ambito interregionale, previo accordo con il dirigente preposto all’Ufficio scolastico regionale di provenienza.
  8. Relativamente alle fasi di nomina d’ufficio, nell’ambito della provincia, l’ordine di assegnazione è quello di cui alla tabella di viciniorietà utilizzata per i trasferimenti del personale della scuola tra comuni della provincia, a partire dal· Comune di servizio o di residenza. Ove si renda necessario procedere alla nomina fuori dalla provincia, l’assegnazione alle sedi della regione è disposta secondo l’ordine di vicinanza tra le province della regione, a partire dalla provincia limitrofa a quella cui appartiene il comune di servizio o di residenza.

Come avvengono le nomine dei commissari esterni e chi ha l’obbligo di presentare domanda?

Le nomine avvengono secondo il seguente ordine:

  1. a) docenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato di istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado che insegnano – nell’ordine – nelle classi terminali e nelle classi non terminali;
  2. b) docenti con rapporto di lavoro a tempo determinato fino al termine dell’anno scolastico di istituti statali d’istruzione secondaria di secondo grado che insegnano – nell’ordine – nelle classi terminali e nelle classi non terminali;
  3. c) docenti con rapporto di lavoro a tempo determinato sino al termine dell’attività didattica di istituti statali d’istruzione secondaria di secondo grado che insegnano – nell’ordine – nelle classi terminali e nelle classi non terminali;
  4. d) docenti di istituti statali di istruzione secondaria di secondo grado collocati a riposo da non più di tre anni scolastici, in considerazione dell’abilitazione posseduta, qualora, al fine di assicurare la regolare costituzione e il funzionamento delle commissioni, dopo che siano stati nominati gli aventi titolo di cui alle lettere a), b), c), rimangano ancora delle nomine da effettuare;
  5. e) docenti che, negli ultimi tre anni, abbiano prestato effettivo servizio almeno per un anno, con rapporto di lavoro a tempo determinato sino al termine dell’anno scolastico o fino al termine delle attività didattiche, in istituti statali d’istruzione secondaria di secondo grado e siano in possesso di abilitazione all’insegnamento di  discipline  comprese nelle classi di concorso afferenti ai programmi d’insegnamento dell’ultimo anno dei corsi della scuola secondaria di secondo grado.

Tra questi, solo i docenti che appartengono alle categorie d) ed e) hanno facoltà di presentare la domanda di partecipazione agli Esami di Stato.

Per tutti gli altri, quindi docenti a tempo indeterminato e supplenti con contratto al 30 giugno o 31 agosto (indipendentemente dalle ore di servizio) grava l’obbligo di presentazione della domanda.

Solo i docenti con contratto di lavoro part time hanno facoltà e non l’obbligo di presentare la domanda di partecipazione.

Una volta nominati non è consentito rifiutare l’incarico o abbandonarlo, salvo nei casi di legittimo impedimento.

No Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

WhatsApp chat